Come visitare Madonna della Corona

Madonna della Corona sospesa tra cielo e terra

Stai cercando qualcosa che ti restituisca l’equilibrio spirituale che hai trascurato negli ultimi tempi? Oppure vuoi provare sulla tua pelle l’effetto ammaliante di un luogo fuori dal tempo ed immerso in un riverente silenzio perenne? Ebbene, in questo articolo ti parlerò su come visitare il Santuario della Madonna della Corona, situato in località di Spiazzi, a Ferrara di Monte Baldo, rappresenta uno dei luoghi più suggestivi del Veneto.

Una meravigliosa chiesa incastonata nelle rocce, a strapiombo sulla valle dell’Adige, capace di regalare momenti di preghiera, meditazione, autoriflessione e spensieratezza.

Come visitare Madonna della Corona
Credits: Niels Keekstra

La leggenda e la storia

Ora ti starai chiedendo … Perché tanta fatica per costruire una chiesa in un posto così improbabile? Naturalmente, c’è una ragione dietro questa decisione… Tutto accadde a metà del Cinquecento, con l’apparizione miracolosa di una statua raffigurante la Madonna. Secondo la leggenda, questo evento inspiegabile è avvenuto proprio nel luogo in cui oggi sorge la chiesa, trasformandola in un popolare luogo di pellegrinaggio. Il termine Corona è stato invece scelto per la posizione in cui sorge il santuario, custodito gelosamente da una catena ininterrotta di monti tutt’intorno.

Nel corso dei secoli, l’edificio ha subito diverse modifiche e ricostruzioni, fino ad arrivare alla struttura odierna, edificata nel 1975.

Madonna della Corona sospesa tra cielo e terra
Credits: @alessia_macrillo

Come visitare Madonna della Corone

Arrivo al dunque; come visitare Madonna della Corona: Per raggiungere il santuario a piedi ti consigliamo l’antico Sentiero dei Pellegrini, chiamato anche “della Speranza”, che ha inizio dalla località di Brentino Belluno. Sappi che, inoltrandoti lungo questa strada, ripercorrerai un cammino battuto per secoli da credenti animati da fede sincera, o persone scoraggiate in cerca di speranza.

Il sentiero è completamente immerso nella natura e caratterizzato da un dislivello di circa 600 metri e da una scalinata di 1500 gradini. Scegliendo questo cammino riuscirai ad immedesimarti in quegli infaticabili pellegrini di un tempo, coi piedi pesanti e il cuore leggero.

Nonostante il notevole dislivello, è generalmente percorribile anche dai meno esperti, ma non idoneo al trasporto di passeggini e sedie a rotelle. Per chi vuole raggiungere il santuario senza troppa immaginazione e fatica, è possibile arrivare in macchina fino ad un ampio parcheggio che dista circa 10 minuti a piedi dal santuario.

La chiesa

La chiesa

Una volta sollevato il piede dall’ultimo gradino e giunto/a di fronte alla chiesa, forse per le scale, forse per il panorama strepitoso, resterai inevitabilmente senza fiato. Impossibile rimanere indifferente di fronte all’imponenza che l’enorme peso di un culto secolare ha steso, come un mantello invisibile, sopra questa piccola chiesa. La facciata e il campanile di questa struttura scolpita nella roccia sono in stile neogotico edi un colore aranciato, spezzato dal bianco. Colori che richiamano quelli della parete nella quale è incastonata. Un insieme che ancora prima di entrare evoca un senso di armonia ed equilibrio, come una connessione tra corpo, anima e natura.

L’interno invece, in stile classico a croce latina, si caratterizza per la presenza di sculture e tavolette ex-voto e per la bianca scala Santa. Quest’ultima è una riproduzione della scala che si trova a Roma, presso la basilica di San Giovanni in Laterano. Secondo la tradizione, andrebbe percorsa in ginocchio, recitando una preghiera per ogni gradino.

Ad ogni modo, il dettaglio più significativo all’interno della chiesa è la sensazionale parete di sinistra, costituita dalla roccia della montagna stessa, d’un bianco immacolato.

Madonna della Corona sospesa tra cielo e terra

Perché scegliere la Madonna della Corona

Una visita a questo luogo ti regalerà una sensazione di mistica pace interiore. Un surreale silenzio avvolgerà ogni tuo respiro, cancellando, seppure soltanto per qualche momento, qualsiasi distrazione. Ed anche tu, per un solo attimo, potrai finalmente fermarti, fuori dal tempo e lontano dalla superficialità della vita quotidiana.

Tra cielo e terra

Un ultimo consiglio: una volta salita la scalinata e giunto/a sulla terrazza panoramica, chiudi gli occhi e respira profondamente. Ti sembrerà di essere sospeso/a tra cielo e terra!

Sulla nascita del santuario ci sono diverse versioni, dalla più disillusa alla più incredibile. Ora, noi non sappiamo come andarono i fatti, ma ci piace pensare che ognuno possa trovare la versione più convincente per sé. Ecco qui alcuni dei passaggi più interessanti di una versione della storia.

Madonna della Corona sospesa tra cielo e terra
Credits: blogsognoitaliano – www.sognoitaliano.nl

Storia o leggenda? fede, in 5 passaggi!

  1. Nel 1522 una schiera di angeli sottrasse ai musulmani una pietà, trasferendola dall’Isola di Rodi ad un luogo difficilmente raggiungibile sul Monte Baldo.
  2. Dopo l’apparizione, la statua fu portata a Spiazzi per poterla venerare, ma per ben 2 volte tornò misteriosamente al luogo dell’apparizione
  3. Per i primi 20 anni l’unico modo per raggiungere la chiesetta fu calarsi con funi ed argano.
  4. Una notte, dalla roccia sorse un grande albero: “l’albero della madonna”. questo, piegato sopra la voragine, permise di erigervi sopra un ponte di pietra per raggiungere il santuario.
  5. Oggi dell’albero della madonna, che si dice avesse proprietà miracolose, rimane solo una piccola reliquia. i fedeli avevano preso l’abitudine di tagliarne dei pezzi per gli ammalati

Spero che con queste informazioni in mano, saprai come visitare Madonna della Corona al meglio. Se questo articolo su questo luogo da visitare sul Lago di Garda ti è piaciuto, ti invito a leggere anche i nostri altri articoli. Uno ad uno scritti con il cuore per rendere la tua vacanza comoda ed indimenticabile!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.